Prudenza da un lato, messaggi precisi dall'altro. Nello spiegare le (non) decisioni prese dalla Banca centrale europea, Mario Draghi ha sfoggiato ancora una volta - ove mai fosse necessario - le qualità del banchiere centrale da tutti riconosciuto come la sola e autorevole voce europea in campo economico. Non sono arrivate novità sul fronte dei tassi, non è stato ampliato, né a livello temporale né di...

continua a leggere...

09 09 2016 | Redazione | Economia