Studio di Consulenza Strategica
per la Comunicazione d’Impresa

es is more.

chi

09 08 2016 | Redazione | Ricerche e studi

Non solo marketing. La sfida della trasformazione digitale

La trasformazione digitale di un’impresa è un processo evolutivo complesso che non riguarda solo il settore del marketing, ma incide in ogni funzione aziendale coinvolgendo persone, processi e tecnologie.

L’obiettivo? Migliorare le prestazioni di business e rimanere competitivi nel mercato dove il digitale ha già agito le sue trasformazioni e non potrà che continuare a farlo. La sfida quindi assume i caratteri di una vera e propria lotta per la sopravvivenza, tanto da spingere alcuni degli analisti di settore a parlare di darwinismo digitale: vince chi saprà meglio adattarsi al cambiamento.

Se a questo punto è chiaro il perché un’impresa non possa che guardare verso l’orizzonte della trasformazione digitale resta da definire il come sia possibile arrivarci. A questo proposito è particolarmente interessante il report di Brian Solis pubblicato da Altimeter Group, dal titolo “The Race Against Digital Darwinism: Six Stages of Digital Transformation”. Il modello elaborato da Altimeter prevede sei tappe evolutive e si può applicare sia nell’analisi dello stadio di avanzamento del processo interno di una singola impresa, sia come una vera e propria road map per intraprendere il viaggio verso la trasformazione digitale. Lo scopo è quello di raggiungere la “maturità digitale”, punto di arrivo di un processo che non è la conseguenza lineare delle tappe ma la loro applicazione creativa, perché ogni organizzazione ha le sue peculiarità e una propria, per così dire, individualità.

A questo punto è bene fare una premessa. L’approccio di Altimeter ha come nodo centrale l’acquisizione di alcuni concetti operativi che non bisogna dare per scontati. Innanzitutto senza vision, chiarezza di obiettivi e capacità di motivare le risorse non si va da nessuna parte, tantomeno se la direzione è quella della trasformazione digitale. A guidare l’innovazione all’interno delle aziende vi sono sempre dei soggetti o dei team , ma non è scontata la loro capacità di trainare il resto delle risorse. Così come è da evitare un altro tra gli errori più comuni: la scelta di dotarsi di tecnologie innovative senza fermarsi a riflettere prima sull’esperienza del cliente. La tecnologia da sola non è mai una soluzione. Il punto, infatti, è come questa influenza il business, i clienti, i dipendenti e come riesce a rendere l’azienda competitiva nell’economia digitale. Secondo Altimeter il fattore di cambiamentopiù importante è la cosiddetta costumer experience, di cui la digital customer experience è uno dei precipitati, probabilmente il più significativo. L’imperativo è capire i clienti digitali, le loro differenze, abitudini, aspettative e predilezioni, al punto che Brian Solis parla di una vera e propria “concezione olistica della costumer experience”.

Capito il contesto e fatte le dovute premesse vediamo una overview del modello a sei step proposto dal report di Altimeter, tenendo a mente che per ogni step esistono sei aree di funzione aziendale – Governance e leadership, People e operation, Customer experience, Data e analytics, Technology integration, Digital literacy – in cui ricadono i cambiamenti in atto.

  1. Business as usual – L’impresa si appoggia alle logiche tradizionali di rapporto con il cliente/consumatore mantenendo di fatto il proprio “status quo”.
  2. Present and active – La presenza di nuove tecnologie produce immaginazione ed esperimenti interni.
  3. Formalized – Il cambiamento subisce una accelerazione sulla base dell’urgenza di formalizzare i risultati.
  4. Strategic – Si struttura in modo strategico l’approccio al cambiamento con l’obiettivo di essere competitivi.
  5. Converged – La trasformazione entra nel dna dell’azienda.
  6. Innovative and adaptive – La cultura dell’innovazione penetra profondamente nell’approccio di base dell’azienda.

Dedicheremo a ognuna delle fasi descritte da Altimeter un post a sé stante, con le testimonianze e la descrizione dettagliata dei processi coinvolti.

Claudia Cecconato (@LadyZazie)

, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *